Filomena Rosato: “Comunicare di più per far crescere le imprese e migliorare il mercato”

Milano, 13 aprile 2017. Nell'ambito dell'edizione 2017 del Salone del Risparmio (MiCo, 11-13 aprile), al cospetto di una platea attenta di cinquanta operatori finanziari, si è svolto l'incontro 'Nuovi temi e trend della comunicazione finanziaria', organizzato da Assorel con la partecipazione di Iacopo Destri, Socio fondatore e ideatore di C-Lex Studio Legale, Annamaria Ferrari, Managing Director Weber Shandwick Advisory, Cesare Valli, Managing Director SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali, Renato Vichi, Head of Media Relations Italy UniCredit.

Introducendo i lavori, Filomena Rosato, presidente Assorel, ha ribadito come la comunicazione finanziaria sia un aspetto identificativo della comunicazione d'impresa, che richiede alto livello di professionalità, conoscenza e corretta applicazione degli obblighi legislativi e normativi sempre più stringenti a livello comunitario, dove la parola d'ordine è diventata 'trasparenza’ a tutela degli investitori e di una scelta consapevole dei consumatori.

“Nella mutazione continua delle professionalità e del mercato che coinvolge tutti, comunicatori e stakeholder, la certezza di potersi avvalere di comunicatori d'impresa qualificati è ciò che può fare la differenza – ha aggiunto Rosato -. La comunicazione volontaria delle aziende quotate esprime oggi i valori aziendali nella ricerca del dialogo con gli stakeholder e un maggiore impulso a questo settore sarebbe il motore di un circuito virtuoso, a beneficio del miglioramento e della crescita del mercato, nel segno di una sana competitività. I nuovi scenari aperti dalla Brexit offrono poi inedite opportunità con il possibile spostamento dell'asse finanziario da Londra verso nuove sedi”.

“Ogni impresa si è trasformata oggi in una media company che racconta la propria storia attraverso i canali proprietari – ha dichiarato Annamaria Ferrari, Managing Director Weber Shandwick Advisory -. All’approccio narrativo basato sui classici ‘People, Planet, Profit’ si affianca il concetto di ‘Purpose’, basato su valori universali. Lo storytelling coinvolge tutte le aree dell’impresa. Persino gli investitori premiano le società che hanno strategie sostenibili, applicano la financial disclosure e raccontano le politiche sulla diversity”.

Iacopo Destri, Socio fondatore e ideatore di C-Lex Studio Legale, ha sottolineato come il rispetto delle regole non escluda la possibilità di fare comunicazione in modo innovativo. “Bisogna creare fiducia nel mercato e consapevolezza negli investitori: l'unico modo per farlo è comunicare informazioni vere e corrette. In questo senso, è importante il nuovo ruolo di vigilanza attribuito all’Autorità Garante della Concorrenza del Mercato”, ha affermato Destri.

Secondo Cesare Valli, Managing Director di SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali, che ha raccontato l’esperienza della società quotata alla Borsa di Londra, “la quotazione costringe le aziende a una maggiore trasparenza. Ma è necessario che le imprese siano consapevoli del fatto che se costruiscono credibilità e fiducia sul mercato acquisiscono valore”.

Renato Vichi, Head of Media Relations Italy UniCredit, ha portato la platea a riflettere sull’importanza dell’attendibilità delle fonti di informazione. “La moltiplicazione delle fonti e i nuovi media hanno portato alla disintermediazione, che mette in discussione le professioni del giornalista e del comunicatore – ha dichiarato Vichi -. È fondamentale, in tutti gli ambiti della comunicazione, e a maggior ragione in ambito finanziario, applicare la regola base di chi fa comunicazione: fare riferimento a fonti concrete e affidabili”.

 

Leggi tutto

In prima linea per contribuire alla qualità e alla crescita del mercato, a inizio 2017 Assorel ha avviato l’Osservatorio Gare per l’elaborazione di dati utili ad aprire il dialogo con le autorità di competenza sul tema della trasparenza in fatto di gare pubbliche in Italia.

Partendo dal database delle gare bandite nel 2016, è stata effettuata l’estrapolazione e l’analisi dei bandi europei di gare di comunicazione e relazioni pubbliche e ne sono emersi i seguenti dati: 57 è il numero di gare bandite e assegnate dalle stazioni appaltanti indicate come Regioni (16 bandi), Comuni (13 bandi) e Ministeri (3 bandi)

Un dato esiguo se lo si rapporta, per esempio, ai 140 milioni di Euro spesi in promozione turistica dalle Regioni nel corso del 2016 ma soltanto tre Regioni hanno messo a gara un budget di spesa per il settore (fonte Confturismo). Un altro parametro in tal senso lo offre il Dipartimento dell’Editoria che nel 2016 ha programmato 22 campagne di comunicazione per le quali non sono stati rilevati bandi pubblici ma solo alcune manifestazioni d’interesse senza ulteriore tracciabilità.

Una tale procedura lascia spazio all’assegnazione diretta degli ‘incarichi sotto soglia’ (40 mila euro) o agli incarichi entro i 150 mila euro, assegnati con procedura negoziale a cottimo fiduciario con almeno 5 partecipanti, e lo stesso iter viene seguito per gli incarichi fino a 1 milione con 10 partecipanti.

Dall’analisi delle società vincitrici degli appalti emerge che il 22% delle gare è stato assegnato a due sole agenzie e che la maggior parte dei bandi impone la rispondenza a requisiti molto stringenti, di fatto uno sbarramento alla sana competizione tra imprese a beneficio del mercato dell’offerta e della domanda, con conseguente scadimento della qualità dei servizi, dovuta al ribasso degli onorari, che ha nel dumping la peggiore deriva. Uno scenario che il nuovo codice degli appalti si è dimostrato incapace di risolvere.

“L’Osservatorio Gare è il primo contributo concreto ad una ricerca di trasparenza basata su fatti oggettivi, che necessitano di una soluzione attraverso la mediazione e il dialogo con le Istituzioni competenti”, dichiara Filomena Rosato, Presidente Assorel. “È tuttavia certo che tutte le parti coinvolte del mondo della Comunicazione e dei Servizi a valore aggiunto devono sedere allo stesso tavolo per agire coesi verso il raggiungimento di un obiettivo comune. Assorel è pronta a collaborare con le Associazioni del comparto, nell’identità di rappresentanza, e per questo ha assegnato la delega specifica Gare e Trasparenza al Consigliere Omer Pignatti”.

In questa direzione Assorel condivide con Unicom il processo di collaborazione in ambito internazionale e oggi esteso anche al tema Gare, nelle parole del Presidente Alessandro Ubertis “La comunicazione, per sua definizione tematica trasversale, vede il coesistere di tante realtà associative rappresentanti singoli segmenti verticali. Solo un ascolto attento e produttivo di tutte le voci potrà garantire un trattamento equo del tema. La costituzione di un tavolo di lavoro congiunto – o la partecipazione congiunta a tavoli esistenti - ne è utile complemento”.

Un segno tangibile di questo impegno è infine l’azione-ponte svolta da Maria Cristina Manfredini, delegata Assorel per l’area Experiential, nel ‘Club degli Eventi e della Live Communication’, dove coordina il tavolo ‘Diffusione della Cultura degli Eventi in Italia’, con un’azione trasversale anche sul tema delle gare.

Leggi tutto

A poco più di un mese dall’annuncio del ‘cambio di passo’ di Assorel espresso anche da una corporate identity totalmente rinnovata e dal nuovo pay off di posizionamento: Comunica. Connette. Innova, l’Associazione dà il benvenuto ad APCO Worldwide, Axess PR ed Extra Comunicazione.

"APCO Worldwide è felice di associarsi ad Assorel per contribuire ad affermare il valore della comunicazione di qualità anche in Italia. Siamo convinti che l'intero settore possa trarre beneficio in un contesto che facilita il confronto aperto e costruttivo tra i principali player del mercato, per affrontare le problematiche complesse e spesso nuove che ogni giorno aziende e organizzazioni sottopongono alla nostra consulenza", dichiara Paolo Compostella, Managing Director di APCO Worldwide e aggiunge Rossella Carrara, Deputy Managing Director, "L’ingresso in Assorel conferma l’impegno di APCO in Italia, un mercato nel quale continuiamo a crescere e a investire con convinzione, puntando su un team molto strutturato, di solida esperienza, cercando di declinare sul mercato italiano l’approccio integrato e le ‘best practice’ del nostro network internazionale con 40 uffici nel mondo, leader di riferimento in settori chiave quali l’Innovazione e la Salute". 

In Assorel APCO Worldwide amplia il portfolio internazionale già rappresentato da Fleishman Hillard, Havas Life e Weber Shandwick, a conferma della visione ampia dell’Associazione e della sua capacità di essere portavoce autorevole per le diverse istanze delle imprese di comunicazione, sia locali sia internazionali.

"Axess Public Relations entra in Assorel per partecipare attivamente alla vita associativa e far comprendere il valore delle imprese di comunicazione, contribuendo ad affermarne il ruolo strategico anche in termini di risultati. Nell’era 4.0 la Comunicazione d’Impresa e le Relazioni Istituzionali costituiscono ancora una leva strategica del marketing mix, vanno differenziate in modo chiaro da quelli che sono semplicemente mezzi e canali aiutando aziende e istituzioni a orientarsi in una scelta di qualità nella pletora di offerte", spiega Dario Francolino, CEO Axess Public Relations.

Giunta al terzo anno di attività in continua crescita e con sede a Monza, Axess Public Relations amplia la rappresentanza territoriale associativa in un’area di grande interesse e nuovo polo economico della neo-costituita Città Metropolitana Milano-Monza- Brianza. Axess PR è specializzata nei settori Healthcare, Non profit, Insurance, Nutrition, Education, CSR e Crisis management.

"Il ritorno di Extra in Assorel nasce dalla fiducia nella presidenza di Filomena Rosato. Credo fermamente nella capacità di questa Assorel nel sostenere le imprese associate verso nuovi traguardi, come una rappresentanza della comunicazione sempre più coesa e trasversale a tutte le industry”, dichiara Antonio Ferro, Presidente di Extra Comunicazione.

Extra Comunicazione rafforza la rappresentanza dell’Associazione sulla piazza romana con una leadership riconosciuta nella Comunicazione Ambientale in Italia, grazie al suo fondatore Antonio Ferro, grande precursore del comparto e brillante protagonista in Italia sin dagli anni '80.

Leggi tutto
Partner
MARPI